Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Edb: Diaconia del diritto

Per un cambio di paradigma. Diritto canonico, teologia e riforme nella Chiesa

by Carlo Fantappiè

publisher: Edb

pages: 192

Nella storia bimillenaria della Chiesa, l'alleanza tra la teologia e il diritto canonico ha permesso di attuare riforme import
18.50

Il processo matrimoniale più breve. Disciplina canonica e riflessi concordatari

publisher: Edb

pages: 120

Il libro analizza i tratti essenziali della riforma del processo matrimoniale canonico realizzata da Papa Francesco con la let
10.50

Il rapporto fra consacrati e laici nella vita religiosa. Un capitolo nuovo

by La Pegna Sergio

publisher: Edb

pages: 184

Possono dei laici partecipare al carisma di un Istituto religioso? Chi può erigere delle Associazioni legate a un Istituto rel
20.70

Il sacramento del matrimonio nel nuovo diritto canonico delle Chiese orientali

by Dimitrios Salachas

publisher: Edb

pages: 312

Il volume offre un'esposizione completa della nuova legislazione delle Chiese Orientali Cattoliche sul sacramento del matrimonio, contenuta nel Codice dei canoni delle Chiese orientali (cc. 776-866). L'intento dell'autore non è solo di commentare gli aspetti giuridici, ma anche di approfondire l'elemento primordiale ed essenziale del matrimonio cristiano, che è il sacramento, segno visibile di una realtà invisibile, misterica. La teologia e la normativa canonica circa questo "mistero grande, in riferimento a Cristo e alla Chiesa (Ef 5,32), ebbe in Oriente un lento sviluppo, a partire dai primi secoli. Infatti progressivamente i santi padri ne hanno esplicitato la natura, i fini, le proprietà, la sacramentalità e la forma di celebrazione. Indubbiamente il diritto romano incise sul pensiero cristiano circa questo sacro consorzio tra uomo e donna; ma, senza discostarsi dalla visuale contrattuale e consensuale, le Chiese orientali hanno messo l'accento sul sacramento di alleanza e sul rito sacro di celebrazione. Quest'ultimo elemento è centrale nella teologia e nella normativa canonica orientale; il diritto bizantino lo ha ratificato. Il matrimonio è un sacramento celebrato nella Chiesa e dalla Chiesa, con cui Gesù Cristo comunica agli sposi sotto un segno visibile, il mistero della sua unione indefettibile con la Chiesa e santifica la loro unione in virtù dell'opera dello Spirito Santo. La trattazione puntuale e documentata rende il volume un utile strumento di conoscenza del patrimonio teologico, spirituale.
31.00

La vita consacrata nel Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (CCEO)

by Dimitrios Salachas

publisher: Edb

pages: 328

Il monachesimo cristiano è nato in Oriente coi Padri del deserto, per poi trovare in Basilio e in Benedetto i due grandi ideatori delle regole monastiche cenobitiche rispettivamente nelle tradizioni orientale e occidentale. Il Vaticano II non manca di raccomandare ai cattolici di accedere con maggior frequenza alla ricchezza offerta in questo ambito dai padri orientali (UR 15). Tale invito si rivolge specialmente alle Chiese cattoliche orientali, in cui l'iniziale fiorente vita monastica si è progressivamente trasformata in vita consacrata impegnata nella vita apostolica. Partendo dalla vita monastica nelle fonti canoniche della Chiesa antica d'Oriente, lo studio commenta la normativa canonica in vigore, affiancando costantemente prospettiva giuridica e prospettiva teologica. L'autore si sforza inoltre d'inserire l'attuale normativa del CCEO nella linea dei "Sacri canones" antichi, che regolano ampiamente la vita dei monaci e delle monache, così come il funzionamento dei monasteri.
34.20

Istruzione in materia amministrativa (2005)

publisher: Edb

pages: 144

La 32ª Assemblea generale della Conferenza Episcopale Italiana (Roma 14-18.5.1990) approvò l'Istruzione in materia amministrativa, pubblicata il 1° aprile 1992. Essa intendeva favorire l'applicazione, in ambito patrimoniale e amministrativo, del nuovo Codice di diritto canonico (1983), con le relative delibere applicative approvate dalla CEI, e dell'Accordo di revisione del Concordato lateranense (1984), a cui era seguita la riforma della legislazione pattizia in materia di enti e beni ecclesiastici e di sostentamento del clero. Considerata l'opportunità di poter continuare a disporre, a livello nazionale, di un testo che offra indirizzi comuni in materia giuridico-amministrativa, il Comitato per gli enti e i beni ecclesiastici ha proceduto a un lavoro di revisione e aggiornamento della materia. La nuova Istruzione è stata quindi approvata dalla 54ª Assemblea generale della CEI (Roma, 30-31.5.2005). Il testo, che mantiene sostanzialmente la struttura e l'impianto della prima versione, è corredato di quattro allegati: a) classificazione degli enti ecclesiastici ai fini del riconoscimento civile; b) tabella dei controlli canonici sugli atti di straordinaria amministrazione; c) decreto di determinazione degli atti di straordinaria amministrazione per le persone giuridiche soggette al vescovo; d) attestazione circa le norme statutarie dell'ente parrocchia.
12.80

I beni culturali ecclesiali nell'ordinamento canonico e in quello concordatario italiano

by Carlo Azzimonti

publisher: Edb

pages: 420

Ininterrottamente nei secoli la Chiesa ha generato un complesso di beni, letterari e documentali, figurativi e architettonici, spesso artistici e liturgici insieme, che in epoca recente sono stati denominati beni culturali. Questi hanno per la Chiesa un valore strumentale attuale - vengono infatti utilizzati per la liturgia, l'annuncio della Parola e le opere di carità -; tuttavia, in quanto espressione di cultura, appartengono al patrimonio di tutta la nazione italiana e, per volontà della Chiesa stessa, sono a disposizione di chiunque intenda goderne e visitarli a scopo di studio, ricerca, turismo o contemplazione. Ne deriva che i beni culturali ecclesiali sono oggetto, da parte di Chiesa e Stato, di interessi diversi e tra loro connessi: interessi che in una società secolarizzata devono essere armonizzati per favorire, anche attraverso l'ordinamento canonico e l'ordinamento civile, la tutela e la valorizzazione del ricco patrimonio esistente. Si tratta di un impegno che richiede fattiva e sincera collaborazione tra le comunità cristiane e gli enti pubblici, secondo i principi e i valori della Costituzione. Lo studio presenta una ricostruzione, giuridicamente rigorosa e libera da polemiche, dei rapporti tra Chiesa e Stato in ordine a tali beni.
40.90

Il magistero e l'evangelizzazione dei popoli nei Codici latino e orientale. Studio teologico-giuridico comparativo

by Dimitrios Salachas

publisher: Edb

pages: 336

Uno studio comparato della "Funzione d'insegnare della Chiesa" nel Codice di diritto canonico (CIC - Libro III) della Chiesa latina e del "Magistero ecclesiastico" nel Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (CCEO - Titoli XIV e XV) si impone, perché i due Codici fanno parte di un unico Corpus Iuris Canonici e il loro confronto ci consente di riconoscere le peculiarità e gli arricchimenti apportati in materia dal più recente CCEO. Pur essendo sostanzialmente identica la dottrina sottostante, tra i due codici si notano infatti identità e somiglianze, ma anche sensibili differenze. Nel CCEO viene ad esempio data maggiore importanza a temi come l'inculturazione e il pluralismo. Anche le prospettive sono assai diverse: mentre nel CIC si è provveduto a eliminare le norme concernenti la materia esclusivamente teologica o semplicemente descrittiva o esortativa, il CCEO rivela un forte carattere pastorale e parenetico, conformemente alla mentalità dell'Oriente cristiano. L'autore ha già sviluppato una analoga visione d'insieme nel volume dedicato allo studio dei sacramenti nelle due tradizioni.
33.00

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.