Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Asterios

Una sera nel deserto del monte Athos. Dialoghi con un eremita sulla preghiera del cuore

by Hierotheos Vlachos

publisher: Asterios

pages: 233

«Nelle pagine seguenti presenterò una conversazione con un Anziano aghiorita
22.00

I dieci anni che sconvolsero il mondo. Crisi globale e geopolitica dei neopopulismi

by Raffaele Sciortino

publisher: Asterios

pages: 320

I dieci anni che sconvolsero il mondo sono gli anni della prima crisi effettivamente globale che continua a investire gli asse
25.00

Maternità. Surrogata? Nel bazar della vita: il prezzo di un figlio? Trattabile

by Daniela Danna

publisher: Asterios

pages: 343

Sono ormai lontani i tempi in cui le donne venivano venerate per le loro capacità di dare la vita (qualcuno dice che questi te
35.00

Il tragico e il comico nell'epoca del grillismo e del trumpismo

by Emiliano Bazzanella

publisher: Asterios

pages: 152

Beppe Grillo e Donald Trump non a caso hanno ottenuto un inatteso successo politico
17.00

La città educante. Manifesto della educazione diffusa. Come oltrepassare la scuola

publisher: Asterios

pages: 96

Il volume intende presentare un'alternativa radicale all'istituzione scolastica attuale
13.00

La dura prova delle resistenza. Grecia, eurozona e crisi globale

publisher: Asterios

pages: 240

La versione inglese di "La dura prova della Resistenza" è stata portata a termine nella primavera del 2013. Da allora, le sue valutazioni circa il corso degli eventi, purtroppo per il popolo greco, sono state confermate persino nei dettagli. Nonostante quanto molti dell'establishment, greco e internazionale, continuino a sostenere, la situazione in Grecia ha portato ad un vero e proprio disastro sociale ed economico. Scrivevamo, quattro anni fa, cercando di chiarire quello che ci accadeva: «Agli inizi del 2010, in quei giorni agitati in Grecia che precedettero il memorandum, la sinistra sollevava, tra le altre, le questioni seguenti. In primo luogo: la politica allora preannunciata non concerneva la maniera di affrontare il debito pubblico, ma la liquidazione della classe operaia, con l'imposizione di misure che la borghesia greca perseguiva da decenni. In secondo luogo: il fallimento sarebbe sopravvenuto proprio in ragione dell'applicazione delle misure, che avrebbero portato l'economia greca, con esattezza matematica, in un vortice recessivo mortale. In terzo luogo: il governo aveva consapevolmente coinvolto il popolo greco in un'avventura distruttiva offrendo con grande solerzia al capitale europeo la possibilità di avere una cavia ideale, che apriva dovunque in Europa la strada all'imposizione delle politiche di classe più selvagge che un intero secolo abbia mai conosciuto. In quarto luogo: la grecizzazione dei problemi, nel momento in cui chiaramente ci troviamo all'interno di una crisi mondiale del capitalismo che si rivelerà - è molto probabile - di importanza storica per il cammino dell'umanità, li rendeva assolutamente irrisolvibili». Il corso degli eventi ha dimostrato che la sinistra aveva ragione nelle sue valutazioni iniziali. E diceva ancora poco, potremmo aggiungere oggi.
20.00

Com'è verde il mondo senza le bombe della guerra

publisher: Asterios

pages: 36

Il paese delle bombe è enorme, tutto grigio e freddo
18.00

Saggi su Brecht

by Walter Benjamin

publisher: Asterios

pages: 134

Un dialogo estremamente attuale tra due grandi intelligenze del ventesimo secolo: due esiliati, due tedeschi, due amici. "Dare un'idea delle proprie convinzioni teoriche, del proprio modo di conversare, vale a dire dei propri comportamenti esteriori: tutto questo è molto più importante che svolgere il filo delle proprie opere secondo l'ordine cronologico, in funzione del loro contenuto, della loro forma ed efficacia". Già queste linee programmatiche, estratte dal primo saggio di questo libro, dimostrano che si tratta di un complesso vivente. La teoria del teatro epico, la concezione del Romanzo da quattro soldi, la questione dell'"autore come produttore", si mescolano a conversazioni, lettere e incontri sullo sfondo degli anni Trenta, dell'esilio e dell'avvento del nazismo. In questi anni di crisi profonda traspare la sinergia tra il pensiero di Benjamin e quello di Brecht, ad esempio nel momento in cui Benjamin considera il "Trauerspiel" barocco come l'antecedente del teatro epico; oppure quando valorizza il gesto in Brecht, soprattutto quel gesto impercettibile e infinitesimo che non è in linea con le nostre aspettative.
17.00

Esistenza e storia in Simone Weil

publisher: Asterios

pages: 322

Ho dei progetti personali che non mi lasciano tempo, e ai quali nessuna considerazione potrebbe farmi rinunciare
20.00

Contro la trojka. Crisi e austerità nell'eurozona

publisher: Asterios

pages: 170

Questo scorrevole saggio fornisce un'alternativa all'ortodossia neoliberista che ha dominato il dibattito economico in anni recenti e il suo principale contributo risiede nella sua capacità di farci riesaminare alcune delle tesi più diffuse sulle cause dell'attuale crisi dell'Eurozona e sui modi in cui è possibile superarla. Una panoramica nuova e ricca di spunti sulla crisi, che contribuisce fortemente al dibattito rilevante, particolarmente utile nel definire le basi dei programmi economici proposti dai partiti di sinistra che hanno cominciato a far sentire la loro voce in tutta l'Europa, a cominciare da Syriza. Prefazione di Oskar Lafontaine. Introduzione di Paul Mason. Postfazione di Alberto Garzòn Espinosa.
17.00

Simone Weil. L'attenzione al reale

by Robert Chenavier

publisher: Asterios

pages: 121

Morta all'età di 34 anni nel 1943, Simone Weil ha dimostrato, nella sua vita e nel suo pensiero, una tale responsabilità al tempo stesso intellettuale, morale e politica, da conferire alla sua opera un'esigenza di coerenza, pur senza diventare mai una specie di sistema. Da un punto di vista filosofico, è difficile classificare la sua dottrina. Da una parte, afferma che ai suoi occhi "nulla supera Platone". Il posto riservato a Platone e alla Grecia nell'interpretazione del suo pensiero, non deve tuttavia far dimenticare ciò che ella scriveva, sin dal 1934, nelle "Riflessioni sulle cause della libertà e dell'oppressione": "La nozione di lavoro considerato come un valore umano è di sicuro l'unica conquista spirituale che il pensiero umano abbia fatto dopo il miracolo greco; era forse questa l'unica lacuna di quell'ideale di vita umana che la Grecia aveva elaborato". Weil ritorna sull'argomento nel 1943, affermando che "la nostra epoca ha come propria missione, per vocazione, la costituzione di una civilizzazione fondata sulla spiritualità del lavoro", dato che i pensieri relativi al "presentimento di questa vocazione" erano i soli "che non siano stati presi in prestito dai greci".
15.00

Un mondo in tempesta. Coming soon, la prossima crisi. L'economia della transizione. Come sopravvivere in tempi di caos

by Da Rold Vittorio

publisher: Asterios

pages: 77

Come sarà il nuovo contesto generale, il new normal? Siamo di fronte a un bivio e non lo sappiamo
12.00

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.