Your browser does not support JavaScript!

Libri di Giuseppe Antonelli

Il museo della lingua italiana

by Giuseppe Antonelli

publisher: Mondadori

pages: 366

Aprire questo libro significa entrare in un ideale museo della lingua italiana e attraversare, pagina dopo pagina, una storia
30.00
new

Il mondo visto dalle parole. Un viaggio nell'italiano di oggi

by Giuseppe Antonelli

publisher: Solferino

Ogni lingua sceglie nel tempo il proprio modo di dire il mondo
15.00

Volgare eloquenza. Come le parole hanno paralizzato la politica

by Giuseppe Antonelli

publisher: Laterza

pages: 135

L'epoca in cui viviamo si definisce post-ideologica
10.00

Il sentimento della lingua. Conversazione con Giuseppe Antonelli

publisher: Il mulino

pages: 143

Come storico della lingua italiana, avverto anche l'esigenza di un certo impegno civile: diffondere la padronanza della lingua
14.00

Il museo della lingua italiana

by Giuseppe Antonelli

publisher: Mondadori

pages: 366

La lingua italiana non ha mai avuto un suo museo
33.00

Volgare eloquenza. Come le parole hanno paralizzato la politica

by Giuseppe Antonelli

publisher: Laterza

pages: 135

L'epoca in cui viviamo si definisce post-ideologica
14.00

La lingua in cui viviamo. Guida all'italiano scritto, parlato, digitato

by Giuseppe Antonelli

publisher: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pages: 272

L'italiano perfetto non esiste, e non è mai esistito
13.00

L'italiano nella società della comunicazione 2.0

by Giuseppe Antonelli

publisher: Il mulino

pages: 270

Che ne è dell'italiano nel villaggio reso sempre più globale dal web 2.0 e dai social network? Quali sono le strategie che la comunicazione mmtimediale adotta nel parlato e nello scritto? Il volume si sofferma sugli usi dell'italiano che nel periodo recente hanno conosciuto la loro prima diffusione (Internet, smartphone, whatsapp) o un significativo rinnovamento (come la lingua dei politici digitati). Ma gli spunti sono molti: dal cybertesto dei videogame alla lingua della nuova narrativa, della pubblicità, delle fiction tv.
15.00

Un italiano vero. La lingua in cui viviamo

by Giuseppe Antonelli

publisher: Rizzoli

pages: 260

L'italiano perfetto non esiste, e non è mai esistito. L'italiano continua a cambiare: cambia il nostro modo di usarlo, perché cambia il mondo in cui lo usiamo. In pochi anni si è passati dall'epistola all'e-pistola: e-mail, chat, messaggini, social network. E così - per la prima volta nella sua storia l'italiano si ritrova a essere non solo parlato, ma anche scritto quotidianamente dalla maggioranza degli italiani. Giuseppe Antonelli racconta la storia di ognuno di noi: noi che scrivevamo le lettere e oggi scriviamo su Whatsapp. Ci accompagna tra sigle e parole inglesi, tra punteggiatura ed email, tra dialettismi ed espressioni alla moda. Con un tono agile e godibile, ci spiega come si stanno modificando alcuni aspetti della grammatica. Ricostruisce il passaggio epocale dall'italiano all'e-taliano: dai cyberpioneri al salto con l'hashtag, passando per le leggende metropolitane sugli effetti del computer e sulla lingua degli sms. Un libro per tutti: per quelli che "digito ergo sum", ma anche per quelli che quando sentono chiocciola pensano ancora alle lumache.
18.00

Manuale di linguistica italiana. Storia, attualità, grammatica. Ediz. mylab. Con eText

publisher: Pearson

pages: 309

Questo manuale offre un panorama delle principali questioni riguardanti la storia e l'attualità della lingua italiana
27.00

Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L'italiano come non ve l'hanno mai raccontato

by Giuseppe Antonelli

publisher: Mondadori

pages: 177

Il congiuntivo è morto, il punto e virgola è morto e anche l'italiano vorrebbero farci credere - non si sente tanto bene. Continuano a ripeterci che la nostra lingua si sta corrompendo, contaminata dall'inglese e minacciata da Internet e dai messaggini. Ma siamo sicuri che le cose stiano davvero cosi? Siamo sicuri che l'italiano virtuale sia quello di facebook e Twitter e non quello scolastico-burocratico che ci spinge a dire "recarsi", "presso", "effettuare"; "dimenticare" e non "scordare", "prendere" e non "pigliare", "egli" e non "lui"; mai e poi mai "ma però"? Con ironia e intelligenza, Giuseppe Antonelli decide di sfidare i luoghi comuni del conservatorismo e del perbenismo linguistico. Affrontandoli uno dopo l'altro, fa a pezzi gli ingiustificati pregiudizi che troppo spesso si tramandano riguardo alla nostra lingua. E lo fa con argomentazioni brillanti e irresistibilmente divertenti, puntando sui giochi di parole ("Quando c'era egli", "Una gita sul pò", "Non ci sono più le mezze interpunzioni") e su un ricco campionario di esempi e di aneddoti che coinvolgono i nomi più grandi della letteratura italiana: da Leopardi a Manzoni, da Gadda a Manganelli. E non si limita a polemizzare con la paura dei neologismi o a dimostrare che si possono usare anche formule come "a me mi", ma addirittura si spinge fino alla (parziale) riabilitazione delle parolacce e delle vituperatissime abbreviazioni che si usano negli sms e nelle chat.
12.00

L'italiano nella società della comunicazione

by Antonelli Giuseppe

publisher: Il mulino

pages: 206

Nell'odierno "villaggio globale", fatto di parola, immagine, suono, evoluzione tecnologica, che ne è dell'italiano? Quali sono
12.50

Enter the code for the download.

Inserire il codice per attivare il servizio.