Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Books of Ida Travi

I Tolki

by Ida Travi

publisher: Il saggiatore

pages: 480

Chandra Livia Candiani l'ha definita «un'opera magica», Mariangela Gualtieri l'ha portata in teatro e al cinema provando a tra
22.00

Katrin. Saluti dalla casa di nessuno

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

15.00

Il mio nome è Inna. Scene dal casolare rosso

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

pages: 191

"Inna, Zet, Nikka e Sasa sono i protagonisti del nuovo lavoro poetico di Ida Travi. Dimorano la terra di Zard, sono i parlanti di una lingua sconosciuta e vicina, i Tolki. Eppure Inna è la sola che sa pronunciare il proprio nome. Se con la sua precedente raccolta poetica, 'Tà. Poesie dello spiraglio e della neve', l'autrice ci ha ammonito sull'esistenza di sopravviventi un futuribile post, ne 'II mio nomee Inna' ci consegna la visione gravida e miracolosa di una resistenza consapevole e sorprendente, giacché 'Siamo baciati dallo spirito del tempo / ci bacia sulla testa lo spirito del tempo / è così che ci pettina, ci inchina'." (dalla nota di Alessandro Pigliaru)
15.00

Tà. Poesia dello spiraglio e della neve

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

pages: 168

14.00

Neo-Alcesti. Canto alle quattro mura. Poesie per la musica

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

pages: 140

Nell'antica tragedia di Euripide, Alcesti è una figura misteriosa, indimenticabile: da la sua vita in cambio di quella del marito, re Admeto, condannato a morire dagli dei. Alcesti è considerata una tragedia, ma non è vera tragedia: Alcesti regina muore, sì, ma torna presto viva dal regno dei morti. Si tratta infatti di una tragedia sfiorata, una resurrezione. In questa raccolta di poesie per la musica, dell'antica Alcesti non resta che l'ombra. Si incontra piuttosto una sua sembianza, una qualunque, una che si spaccia per parente, una che entra in casa sbattendo la porta e lancia sulla sedia il suo paltò. Un'antica casa greca e una novecentesca casa contadina si confondono qui, tra queste mura. Neo è lo scorrere del fiume. Neo è il vagito che ritorna. Qualcuno sta per andarsene, qualcuno sta per tornare. Sbatteranno le porte. Voleranno le tende alle finestre... "O ti adatti o sogni. Dove la madia era vuota presto ci sarà del pane, dove c'era del pane adesso, per un attimo, c'è buio."
11.00

L'aspetto orale della poesia

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

pages: 112

L'aspetto orale della poesia è un saggio che coniuga poesia e pensiero nella riflessione sulla "prima lingua" o lingua materna. La "prima lingua", quella appresa sul nascere, è lingua "poetica" che in tutti i tempi e in ogni parte del mondo resta lingua non scritta. Da Omero a Fiatone, nel lungo passaggio tra oralità e scrittura, se ne rintracciano spunti e coordinate. Questo libro in prosa rivela la tensione con cui Ida Travi testimonia sulla pagina (e in se stessa) l'avvenuta riunione tra poesia e filosofia attraverso una poetica ch'è un canto. Uscito nel 2000, Selezione del Premio Viareggio-Repaci nel 2001, il libro è ora alla sua terza edizione.
10.00

La corsa dei fuochi. Poesie per la musica

by Ida Travi

publisher: Moretti & vitali

pages: 117

In questa raccolta di poesie per la musica gli esseri umani si muovono come nel sonno di una sentinella o di un bambino. Sentinella e bambino parlano da soli, vanno trasognati e hanno gli occhi puntanti nel fondo della notte. Eppure sono al centro di una realtà. Cosa c'è nella visione d'una realtà? C'è una tazza, una culla, ci sono uccelli in volo, un albero, un fiume, un padrone, un martello. Un vecchio, un padre, una madre. Ci sono resti di una civiltà. Si vedono fuochi in corsa. È come se noi che guardiamo, qui e ora, nel tempo cosmico e per un soffio, fossimo ancora noi "gli antichi".
18.00

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.