Your browser does not support JavaScript!

Books of Vladimir Jankélévitch

Debussy e il mistero

by Vladimir Jankélévitch

publisher: Se

pages: 160

L'inquietante fascino del reale, ossia il mistero inesplicabile e gratuito che avvolge tutto quanto appare e ci circonda, cost
20.00

Filosofia prima. Introduzione a una filosofia del «quasi»

by Vladimir Jankélévitch

publisher: Moretti & vitali

pages: 312

"Pubblicato nel 1954, Philosophie première viene qui tradotto per la prima volta in italiano
25.00

L'avventura, la noia, la serietà

by Vladimir Jankelevitch

publisher: Einaudi

pages: 193

«L'Avventura, la Noia e la Serietà sono tre diversi modi di considerare il tempo
22.00

Il puro e l'impuro

by Vladimir Jankelevitch

publisher: Einaudi

pages: 258

In una stagione che tende a tradurre il crollo dei principi morali in un facile relativismo, il pensiero di Vladimir Jankélévi
22.00

George Simmel filosofo della vita

by Jankélévitch Vladimir

publisher: Mimesis

pages: 82

La traduzione italiana del lungo saggio, scritto nel 1925 e dedicato da Vladimir Jankélévitch a Georg Simmel, mette finalmente
10.00

Da qualche parte nell'incompiuto

publisher: Einaudi

pages: 241

Mai come nelle interviste da cui nasce questo testo, Vladimir Jankélévitch ci conduce al cuore segreto del suo pensiero. Articolato, come un vero tessuto vivente, lungo un percorso che trascorre dalla filosofia morale alla riflessione politica, dall'analisi letteraria all'esperienza musicale, esso trova il proprio epicentro in un'interrogazione intensa e radicale della pratica quotidiana. Che significato conferire allo scorrere, apparentemente insensato, dei giorni? Come rispondere delle proprie azioni in un mondo caratterizzato dalla sconnessione dei valori e dall'assenza di fondamenti? E che rapporto instituire con quelle degli altri, quando esse, come nella stagione nazista - vissuta in prima persona dall'autore - assumono il volto insostenibile della menzogna e della violenza? La risposta di Jankélévitch si situa nel difficile punto d'incrocio fra irreversibilità indelebile del passato e contingenza indeterminata dell'avvenire. Come in uno spartito musicale, solo la capacità di seguire il ritmo dell'esistenza nel suo battito alternante consente di stringere in uno stesso nodo rigore e duttilità, responsabilità e intelligenza, profondità e leggerezza.
22.00

L'ironia

by Jankélévitch Vladimir

publisher: Il Nuovo Melangolo

pages: 176

14.00

Corso di filosofia morale (1962-1963)

by Vladimir Jankélévitch

publisher: Cortina raffaello

pages: 235

Jankélévitch conferma in questo "Corso" la fecondità di un pensiero che parla di morale senza cadere nel moralismo, scava nei concetti evitando il concettualismo e coniuga il dovere con l'amore, muovendo dall'importanza che l'intenzione e la volontà hanno nell'esperienza morale. Né Husserl né Heidegger ma Pascal e Tolstoj sono i riferimenti dell'autore, filosofo laico ma attento alla lezione dei mistici, oltre che a quella dei classici (Platone, Aristotele, Agostino). Queste lezioni sono esemplarmente indicative della ricchezza spirituale che la filosofia può dare all'individuo.
22.80

Perdonare?

by Vladimir Jankélévitch

publisher: Giuntina

pages: 63

Vladimir Jankélévitch nacque a Bourges nel 1903. Dopo aver insegnato in varie università francesi e aver partecipato alla Resistenza, nel 1951 fu nominato professore alla Sorbona. Autore di numerose opere di argomento filosofico e musicale, il filosofo è scomparso nel 1985.
10.00

Il male

by Vladimir Jankélévitch

publisher: Marietti

pages: 110

15.00
15.49

La cattiva coscienza

by Jankélévitch Vladimir

publisher: Dedalo

pages: 256

La cattiva coscienza, o rimorso, ci può liberare dalla cattiva azione compiuta non aderendo più ad essa pur riconoscendone gli
18.00

Enter the code for the download.

Inserire il codice per attivare il servizio.