Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Rinascimento anacronico

Rinascimento anacronico
Title Rinascimento anacronico
Authors ,
Curatore
Traduttore
Topic Literature and Arts Art
Collection Logica Della Sensazione, 1
Publisher Quodlibet
Format
libro Book
Pages 576
Published on 2024
ISBN 9788822906243
 

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
38.00
 
Buy and receive in 5/10 days
Rinascimento anacronico propone una sorprendente rilettura di una stagione fondamentale della cultura europea e una nuova concezione della storicità delle opere d'arte. Definire un'opera «anacronica» significa in effetti, scrivono Alexander Nagel e Christopher S. Wood, dire ciò che essa fa «quando ripete, quando esita, quando ricorda, ma anche quando progetta un futuro o un ideale», eccedendo il «mondo della vita» che l'ha generata. Le architetture di Leon Battista Alberti e Bramante, i dipinti di Guido da Siena, Jan van Eyck e Vittore Carpaccio, le sculture di Michelangelo o gli affreschi della Stanza della Segnatura, così come le icone, i disegni, le stampe, i mosaici, le medaglie esaminate da Nagel e Wood, fanno emergere interrogativi imprevisti circa la loro autenticità, riferimenti a precedenti prestigiosi, così come gli effetti della trasposizione da un medium a un altro. Le icone bizantine considerate come antichità paleocristiane, le immagini non create da mano umana, le spoliazioni e le citazioni, i diversi approcci al restauro, le leggende sugli edifici, i falsi e i pastiches si rivelano in questo modo altrettante componenti di una originale e più esauriente visione dell'arte rinascimentale. Se è vero che un'opera d'arte testimonia il momento della sua realizzazione, Nagel e Wood dimostrano che è altrettanto determinante comprenderne la costitutiva instabilità temporale e i modi con cui essa rimanda a remote origini ancestrali, a un artefatto o a un'immagine anteriore, o persino a un'origine divina posta fuori dal tempo. Rinascimento anacronico cerca di estrarre dalle opere d'arte una temporalità in strutturale disallineamento con la disciplina della storia dell'arte, «verso una cronotopologia della creazione artistica». Se l'opera, come scrivono gli autori, è un messaggio i cui mittenti e destinatari sono in costante spostamento, l'arte è la possibilità di un indispensabile colloquio attraverso il tempo.
 

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.