Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Ci dice tutto il nostro inviato. Un secolo di rivolgimenti e altre minuzie

new
Ci dice tutto il nostro inviato. Un secolo di rivolgimenti e altre minuzie
Title Ci dice tutto il nostro inviato. Un secolo di rivolgimenti e altre minuzie
Author
Topic Human Sciences Communication
Collection Storie
Publisher Rubbettino
Format
libro Book
Pages 240
Published on 2024
ISBN 9788849880373
 

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
18.00
 
Buy and receive in 2/3 days
Gli "anni di piombo" visti dall'altro marciapiede rispetto ai terroristi. Il crollo del Muro e dell'Urss raccontati da una Berlino in mutazione e da quel crogiolo di contraddizioni che fu la perestroika nell'ultima Urss. Grandi vecchi con un piede nell'Ottocento e lo sguardo rivolto al domani. Scoperte da Nobel illustrate dagli stessi scienziati premiati a Stoccolma. Queste le colonne portanti di un reportage a cavallo di tre secoli, tra bagliori e incongruenze, protagonisti e figuranti, cronaca e storia. Con incursioni dietro le quinte di un particolare tipo di giornalismo, quello radiofonico, che deve far vedere le cose unicamente con le parole. Ci dice tutto il nostro Inviato è un libro trasversale, multiutility, per più scaffali. Dopo avere desunto mappature e contenuti longform, il lettore può riscoprirlo come romanzo o memoir dai molti intrecci. Incontriamo di persona, in giro per il mondo, i poeti Brodskij, Walcott, Evtusenko, Szymborska, gli scienziati Rubbia, Rita Levi Montalcini, Higgs, la vedova di Sacharov, la musa di Pirandello, la pronipote dell'amante di Lenin, Palazzeschi e i futuristi, Prezzolini amico e coetaneo di Mussolini, un Bacchelli bambino tenuto sulle ginocchia da Carducci, Pierre Cardin, Günter Grass, Burroughs, Burgess, Saramago, Fellini, Lady Diana, la Lollo, Whitney Houston, Lucio Dalla, Pavarotti, Carter, Obama e tanti altri. Niente che non sia di prima mano e in presa diretta. "Era il 1979... Era il 1986... Era il 2011... Anzi no, era il 1882, il 1900 tondo tondo. Ma era anche il 2028, il 2038, il duemila e... via vivendo. Era il futuro. Il tempo non passa. Non passa mai. Si rigenera" scrive Ennio Cavalli. Questa sintesi ricostruttiva e proiettiva dell'epoca da cui veniamo aiuta a comprendere l'oggi e i motivi per cui non possiamo che dirci contemporanei. Prefazione di Luciano Canfora.
 

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.