Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»

Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»
title Pirandello e il demone del teatro. Dai «Sei personaggi» ai «Giganti della montagna»
Author
Topic Human Sciences Communication
Collection Lingue e Letterature Carocci, 428
Publisher Carocci
Format
libro Book
Pages 280
Published on 2024
ISBN 9788829024353
 

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
29.00
 
Buy and receive in 5/10 days
«Il pubblico? Eh, io [...] l'ho abituato ad aspettarsene da me d'ogni colore. Gli sono andato sempre con le dita negli occhi; ed esso lo sa. È il mio gusto e il mio piacere. Tutta la mia opera è stata sempre così, e sarà così: una sfida alle sue opinioni e soprattutto alla sua quieta morale... o immorale». Così, nel maggio del 1917, Luigi Pirandello scriveva al capocomico Virgilio Talli. A poco più di un secolo di distanza il volume raccoglie di nuovo quella sfida, analizzando fantasmi inconsci e strategie provocatorie del grande drammaturgo siciliano, in un corpo a corpo con le sue pièces più famose. Il modo creativo e mai scontato con cui Pirandello rielabora, adattandole ai palcoscenici del suo tempo, le suggestioni provenienti dai grandi narratori russi (Dostoevskij e Tolstoj in primo luogo) e dal Goethe delle Affinità elettive e del Faust - una dimensione intertestuale finora poco esplorata - diventa qui la cartina di tornasole privilegiata della vera natura del suo teatro, per nulla compatibile con una ricezione passiva e catartica. Le ossessioni che variamente lo attraversano, decidendo del destino dei personaggi, ancora oggi inquietano nel profondo il lettore/spettatore, perché lo obbligano a fare i conti con i suoi stessi demoni.
 

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.