L'uomo e il divino

new
L'uomo e il divino

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
32.00
 
Buy and receive in 2/3 days
«L'uomo e il divino non solo rappresenta una sintesi di tutto ciò che María Zambrano aveva scritto fino agli anni Cinquanta, ma costituisce il nucleo da cui si irradia tutto il suo pensiero alla ricerca dell'unità tra religione, filosofia e poesia. Rispetto all'itinerario esistenziale e intellettuale di Zambrano, questo libro si riferisce alla "seconda navigazione" contrassegnata dalla ragione poetica, Che costituisce il nucleo originale della riflessione della pensatrice. Se compito della poesia è aprire i pori al sacro, "l'azione che l'uomo compie è cercare un luogo in cui accoglierlo e dargli forma, nome; collocarlo in una dimora per ottenere lui stesso la sua; la dimora umana, il suo 'spazio vitale'". La ragione poetica porta alla luce non una Istoría - nel senso greco del termine -, un computo di sventure o avvenimenti computabili cronologicamente, bensì una "intrastoria". Se potrebbe sembrare che in quest'opera Zambrano narri una storia cronologicamente intesa - dalla nascita pre-greca degli dèi, alla disputa tra filosofia e poesia intorno ad essi, ad Aristotele e alla sua condanna dei pitagorici, al cristianesimo, alla nietzschiana morte di Dio e alla riapparizione del sacro all'interno del nichilismo -, basta uno sguardo ermeneutico per constatare l'insufficienza di una tale cronologia, perché quanto viene descritto sta accadendo nello stesso tempo, sicché il movimento e lo spazio del movimento coincidono. Zambrano sta disegnando in realtà la topografia dell'Occidente, seguendo le orme dell'unità originaria perduta.» (Dalla Prefazione di Armando Savignano).