Your browser does not support JavaScript!

Hotel degli insonni

new
Hotel degli insonni
title Hotel degli insonni
Author
Traduttore
Topic Literature and Arts Fiction
Collection Bloom
Publisher Neri Pozza
Format Book
Pages 192
Published on 2022
ISBN 9788854523319
 

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
18.00
 
Buy and receive in 2/3 days
Tutta la narrativa di Ralf Rothmann ruota attorno alle circostanze in cui l'esistenza umana svela la sua oscura, insopprimibile finitezza. E, nella sua prosa, non si tratta di una predilezione personale, ma dell'assolvimento del compito proprio di ogni vero scrittore: mostrare la nobiltà d'animo o la crudeltà, la compassione o la violenza, l'empatia o la miseria morale che l'emergere del nulla, della fine provoca, assegnando a ogni individuo la propria parte nel teatro dell'esistenza umana. In "Hotel degli insonni", raccolta di undici storie, questo procedimento giunge a uno dei suoi esiti più riusciti. Tutti i protagonisti vi compiono il proprio «passo verso il nulla», rivolgendo lo sguardo verso il cuore di tenebra della propria condizione. Nel racconto che dà il titolo al libro, Vassilij Mihailovic? Blochin, il boia della Lubjanka, si ritrova al cospetto di Isaak Babel', scrittore ebreo caduto in disgrazia presso il governo sovietico dopo aver pubblicato l'Armata a cavallo, un'implacabile cronaca dell'Armata Rossa guidata da Budënnyi, il generale amico di Stalin. Prima di piantare la Walther, la sua fidata pistola tedesca, nella nuca del poeta, Blochin ingaggia un breve duello verbale con Babel', che osa giustificarsi adducendo la responsabilità della letteratura «davanti alla vita, davanti alla verità». «La verità vera» controbatte il boia, «la verità definitiva... la pronuncia solo la pallottola». Nella scioccante drasticità di questa affermazione si mostra, in tutta la sua bestialità morale, la crudele sovranità della tirannia, il suo diritto di vita e di morte. I restanti dieci racconti sono raggruppati attorno a questo nucleo del libro come sottili variazioni sul tema. Nel primo, la rottura della corda di un violino, proprio quando i suoni fluivano limpidi, è il preludio del punto di rottura che irrompe bruscamente nella vita dei personaggi delle storie seguenti. Rothmann non si appella, narrandole, a nessuna consolazione, a nessuna solennità o atroce eleganza della fine. Come dice un impresario di pompe funebri protagonista di uno dei racconti, «Anche la morte - è solo una povera disgraziata...».
 

Enter the code for the download.

Inserire il codice per attivare il servizio.