Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra

Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra
title Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra
Author
Topic History , Religion and Philosophy History
Collection I libri di Viella, 484
Publisher Viella
Format
libro Book
Pages 336
Published on 2024
ISBN 9791254693988
 

Choose the bookshop

Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
29.00
 
Buy and receive in 2/3 days
Nell'immaginario storico elaborato sotto il fascismo, uno spazio originale è stato ricoperto dagli Etruschi. Nonostante le incertezze sull'interpretazione della loro lingua e sulle loro origini, e la prevalenza in Europa della tesi della provenienza orientale, nell'Italia fascista artisti, scrittori e studiosi hanno sviluppato un consenso nazionalista sull'assimilazione degli Etruschi all'interno dell'identità italica, posta alle radici nazionali e razziali del popolo italiano. Con la persecuzione antiebraica, è stata in particolare l'ipotesi dell'origine orientale a essere avversata, per evitare di ammettere l'esistenza di corpi estranei nella composizione etnica italiana. Il libro ricostruisce questa storia e i suoi esiti culturali nell'Italia repubblicana e della Guerra fredda.
 

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.