Your browser does not support JavaScript!
Go to page content

In Cina per lavoro. Usi, costumi e parole

title In Cina per lavoro. Usi, costumi e parole
Authors ,
Topic Literature and Arts Literature and Linguistics
Collection Comunicare
Publisher Zanichelli
Format
libro Book
Pages 208
Published on 2012
ISBN 9788808175205
 
Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
18.00
Come si dice Coca Cola in cinese? Non Coca Cola ma Kekoukele, che significa "gustosa e divertente". Decidere come farsi chiamare in Cina non è facile, anche perché la semplice traslitterazione del nome può dar luogo a effetti comici o imbarazzanti: "Giuseppe", ad esempio, può diventare Zhusaibei, che significa "maiale tappato con conchiglie". Comprendere gli usi e costumi cinesi è indispensabile per chi si reca in Cina per affari, importante per chi pensa di andarci per lavoro e interessante per chi è semplicemente curioso di conoscere una cultura lontana e a prima vista impenetrabile. Situazioni quotidiane, come lo scambio di un biglietto da visita o il comportamento da tenere a tavola, cose da fare e da non fare, come soffiarsi il naso in pubblico, consigli pratici per decodificare comportamenti apparentemente inspiegabili - perché, ad esempio, i cinesi non dicono mai di no? - sono illustrati da una sinologa italiana e da un'artista cinese che vive in Italia. Molti di questi usi e costumi risalgono a una cultura millenaria che si basa sugli insegnamenti di Confucio e sull'Arte della guerra di Sunzi. Conoscerli aiuterà a "farsi cinese tra i cinesi", ad assumere cioè quell'atteggiamento di curiosità e apertura che ha consentito a Marco Polo e a Matteo Ricci di essere ammessi a corte e che costituisce ancora oggi la chiave per entrare in relazione con la Cina.
 

Enter the code for the download.

Enter the code to activate the service.