Mario Trozzi. Alle origini del movimento operaio e sindacale in Abruzzo

Mario Trozzi. Alle origini del movimento operaio e sindacale in Abruzzo
Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
12.00
Civiltà vuol dire Socialismo, scriveva nel 1919 Mario Trozzi, una figura di alto rilievo sottovalutata dalla storiografia locale e nazionale: dagli esordi nella vivace sezione socialista di Sulmona fino al doppio mandato parlamentare nelle file del Partito socialista (1919 e 1921), Trozzi sviluppò un'intensa azione politica che lo vide durissimo oppositore della guerra di Libia e poi di quella mondiale. Fu organizzatore - nell'arretrata realtà abruzzese del tempo, la stessa descritta da Silone nei suoi romanzi - del partito e del sindacato tra il nascente proletariato regionale, e pugnace propagandista del socialismo in gremiti comizi e sulla stampa dell'epoca. Durante la guerra fu esponente tra i più influenti del campo massimalista nel dibattito interno al Psi; un massimalismo, il suo, nutrito di uno spirito unitario che lo portò a non seguire i comunisti al congresso di Livorno del 1921. Nel 1924 si ritirò sostanzialmente dalla vita politica per dedicarsi alla sua professione di avvocato - difendendo spesso i più deboli, i ferrovieri licenziati, i perseguitati dal fascismo - e alla scrittura di testi storici, politici e letterari.