Estetica sovversiva. Sulla rappresentazione e gli oggetti culturali

new
Estetica sovversiva. Sulla rappresentazione e gli oggetti culturali
Item temporarily out of stock.
Do you wish to be notified when it is available?
10.00
I saggi qui raccolti sono dedicati al carattere critico e potenzialmente sovversivo della rappresentazione, inclusa quella artistica e letteraria. Tale carattere lo si può evincere anzitutto dal gesto del creativo, dalla sua capacità di immaginare contro-mondi o di privilegiare la provocazione e l'idea rispetto alla tecnica, come nel caso delle trasformazioni intervenute nell'arte contemporanea. La riflessione di Martignani muove dal significato sociale del dandysmo, attraversa la sottocultura skinhead e propone una ermeneutica degli oggetti attraverso esempi letterari e cinematografici orientati a immaginare mondi diversi da quello esistente, sottoponendo quest'ultimo a critica sul piano socioculturale e politico. Essa si inquadra pertanto nel contesto dell'estetica sociale, non solo per individuare le categorie che operano forme specifiche di dominazione simbolica (come il sesso, la droga, il capitale), ma anche per indicare il modo in cui attribuiamo senso alla realtà. È in questa accezione che il contenuto del testo si può definire sovversivo: analizza in modo critico alcuni scenari sociali da un punto di vista estetico. Lo fa cercando di riconoscere negli aspetti esteriori della cultura e nel valore simbolico degli oggetti gli elementi che sottolineano la critica all'ordine costituito e a specifici tratti delle norme sociali.